STATUTO

 

Art. 1 - Costituzione denominazione e sede
E' costituita un Associazione denominata �Pro Loco Comune di San Giuliano di Puglia� di seguito denominata Pro Loco �San Giuliano di Puglia�.
L'Associazione ha sede in San Giuliano di Puglia nei locali dell'ex mensa scolastica, snc., insediamento abitativo temporaneo. La sede può essere trasferita altrove con delibera assunta dall'assemblea ordinaria dei soci. La variazione della sede legale non comporta la modifica del presente Statuto.


Art. 2 - Scopi
La Pro Loco è un Associazione, su base volontaria, apartitica ed apolitica, non ha scopo di lucro e persegue finalità di promozione sociale e turistica, di valorizzazione di realtà e di potenzialità naturalistiche, culturali, storiche ed enogastronomiche del territorio in cui opera. L'attività dell'associazione è assicurata prevalentemente con prestazioni personali, volontarie e gratuite degli associati.
La Pro Loco aderisce all'U.N.P.L.I. (Unione Nazionale Pro Loco d'Italia) ed al Comitato Regionale delle Pro Loco del Molise, nel rispetto dello Statuto e delle normative U.N.P.L.I.


Art. 3 - Finalità
La Pro Loco di San Giuliano di Puglia, per il perseguimento delle finalità di cui all'art. 2, autonomamente e/o in collaborazione con l'Amministrazione Comunale e altre Associazioni ed Enti Pubblici e Privati si propone i seguenti obiettivi:
a) Sviluppare e valorizzare la diffusione di attività a carattere culturale e l'aggregazione dei cittadini sangiulianese, con particolare attenzione al mondo giovanile ed all'integrazione dei nuovi cittadini.
b) Valorizzare le tradizioni folcloristiche ed enogastronomiche locali, favorendo la nascita di nuove manifestazioni finalizzate a qualificare il territorio comunale.
c) Svolgere fattiva opera per organizzare turisticamente la località, proponendo alle Amministrazioni competenti il miglioramento estetico della zona e tutte quelle iniziative atte a tutelare e valorizzare le bellezze naturali nonché il patrimonio storico-monumentale ed ambientale.
d) Riprendere, promuovere e sostenere le iniziative a carattere turistico-culturale. Fornire strumenti e stimoli per la conoscenza del paesaggio, della storia della cultura e dei beni architettonici ed esaltare i prodotti tipici del territorio.
e) Promuovere e organizzare, anche in collaborazione con Enti Pubblici e/o privati, iniziative (convegni, escursioni, spettacoli pubblici, mostre, festeggiamenti, manifestazioni sportive, fiere enogastronomiche e/o di altro genere, nonché iniziative di solidarietà sociale, recupero ambientale, restauro e gestione di monumenti, ecc.) che servano ad attirare e rendere più gradito il soggiorno dei turisti e la qualità della vita dei residenti.
f) Riscoprire, valorizzare e divulgare le radici e le tradizioni della nostra storia.
g) Promuovere valori e cultura della nostra gente, con particolare attenzione alla civiltà contadina, riconosciuta importante base culturale del nostro paese. Contribuire allo sviluppo economico del paese. Collaborare e stimolare enti e privati per poter realizzare una più incisiva promozione del territorio. Svolgere attività di assistenza e di informazione turistica.
h) Svolgere qualsiasi altra attività (compresa la gestione di circoli, e la costituzione con altri soggetti pubblici o privati di qualsivoglia forma societaria) utile al raggiungimento degli scopi sociali. Per il raggiungimento degli obiettivi statutari, l'Associazione ha la facoltà di stipulare convenzioni e contratti con Enti Pubblici, Associazioni e Privati, aventi in tali specifiche occasioni, comuni scopi e finalità.


Art: 4 - Soci
I soci della Pro Loco si distinguono in:
Soci Ordinari;
Soci Sostenitori;
Soci Benemeriti;
Soci Junior;
Sono Soci Ordinari coloro che versano la quota di iscrizione annualmente stabilità dal Consiglio Direttivo.
Sono Soci Sostenitori coloro che, oltre alla quota ordinaria, erogano contribuzioni volontarie straordinarie.
Sono Soci Benemeriti coloro che, per aver contribuito con particolari benefici morali e materiali all'Associazione, vengono riconosciuti tali dal Consiglio Direttivo e dall'Assemblea dei Soci; il riconoscimento è perpetuo ed esonera dal pagamento della quota sociale annua.
Sono Soci Junior i minorenni che dimostrano interesse agli scopi della Pro Loco. Essi non hanno diritto di voto nelle Assemblee e pagano un contributo ridotto stabilito annualmente da Consiglio Direttivo.
Possono essere Soci Ordinari tutti i residenti nel Comune e tutti coloro che per motivazioni varie (in via esemplificativa villeggianti, ex residenti) e coloro che, non residenti, operino per il raggiungimento delle finalità statutarie della Pro Loco.


Art. 5 - Diritti e obblighi dei Soci
I Soci Ordinari, i Soci Sostenitori e i Soci Benemeriti hanno diritto:
- di voto attivo e passivo per le cariche direttive della Pro Loco;
- di voto per l'approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti della Pro Loco;
Tutti i Soci hanno il diritto:
- a ricevere la tessera della Pro Loco;
- a ricevere le pubblicazioni della Pro Loco;
- a frequentare i locali della Pro Loco;
- ad ottenere eventuali facilitazioni in occasione di manifestazioni promosse o/ed organizzate dalla Pro Loco.
Tutti i Soci hanno l'obbligo di:
- rispettare lo Statuto ed i regolamenti della Pro Loco;
- versare nei termini la quota associativa alla Pro Loco.


Art. 6 - Ammissione e perdita della qualifica di socio
L'ammissione di un nuovo Socio viene decisa dal Consiglio Direttivo della Pro Loco a seguito del versamento della quota associativa annuale.
L'esclusione di un Socio viene decisa dal Consiglio Direttivo della Pro Loco per dimissioni, per morosità, per indegnità o qualora intervengano gravi motivi relativamente a comportamenti del Socio che violano lo Statuto ed i Regolamenti della Pro Loco.


Art. 7 - Organi
Sono Organi della Pro Loco:
a) L'Assemblea dei Soci;
b) Il Consiglio Direttivo
c) Il Presidente;
d) Il Segretario ed il Tesoriere;
e) Il Collegio dei Revisori dei Conti;
f) Il Collegio dei Probiviri;
g) Il Presidente onorario (eventuale).

Art. 8 - Assemblea dei Soci
L'Assemblea dei Soci rappresenta l'universalità dei Soci e le sue decisioni, prese in conformità alla legge ed al presente Statuto, obbligano i Soci. L'Assemblea ha il compito di stabilire le direttive per la realizzazione delle finalità sociali. All'Assemblea prendono parte tutti i Soci (Ordinari, Sostenitori e Benemeriti, i quali per aver diritto di voto devono essere in regola con la quota sociale dell'anno in cui si svolge l'Assemblea). Sono consentite due deleghe, da rilasciarsi in forma scritta ad altro socio.
L'Assemblea è ordinaria e straordinaria.
Le assemblee, sia ordinaria sia straordinaria, sono presiedute dal Presidente della Pro Loco (o in sua assenza dal Vice Presidente), assistito dal Segretario. In caso di assenza di entrambi, l'Assemblea elegge tra i Soci presenti il Presidente dell'Assemblea; allo stesso modo l'Assemblea eleggerà un Segretario, in caso di assenza del Segretario della Pro Loco.
L'Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, viene indetta dal Presidente della Pro Loco, previa deliberazione del Consiglio Direttivo che ne stabilisce la data e l'ordine del giorno, con avviso portato a conoscenza dei Soci (in regola con il versamento della quota avvenuto almeno 30 giorni prima della data fissata mediante consegna dell'avviso a mano o a mezzo posta o tramite e-mail o con affissione dello stesso nella sede della Pro Loco e/o pubblica bacheca).
L'Assemblea ordinaria, è valida (salvo quanto diversamente previsto nel presente statuto) in prima convocazione, con la partecipazione di almeno la metà dei Soci e delibera con voto favorevole della metà più uno dei voti complessivamente espressi; in seconda convocazione, da indirsi un'ora dopo, l'Assemblea è valida qualunque sia il numero dei partecipanti e delibera con voto favorevole della metà più uno dei voti complessivamente espressi.
L'Assemblea ordinaria è convocata almeno una volta all'anno per le decisioni di sua competenza, delibera su tutti gli oggetti attinenti alla gestione dell'Associazione e su qualsiasi proposta venga presentata alla sua attenzione che non sia però di pertinenza dell'Assemblea Straordinaria.
In particolare sono compiti dell'Assemblea Ordinaria:
- L'elezione dei Soci Ordinari, nel numero previsto dall'art.10 nel Consiglio Direttivo;
- Ratifica dell'elezione dell'intero Consiglio Direttivo;
- L'elezione del Collegio dei Revisori dei Conti;
- L'approvazione del conto consuntivo e del bilancio preventivo;
- L'approvazione di eventuali Regolamenti.
L'Assemblea per l'approvazione dei bilanci deve essere convocata entro il mese di aprile.
La spedizione degli avvisi di convocazione dell'Assemblea Ordinaria può essere sostituita dall'affissione con modalità idonea a portarla a conoscenza dei soci.
Delle riunioni assembleari e relative deliberazioni dovrà essere redatto apposito verbale firmato dal Presidente e dal Segretario, consultabile da tutti i Soci presso la sede sociale.
L'Assemblea Straordinaria, è valida (salvo quanto diversamente previsto nel presente statuto) in prima convocazione, con la partecipazione di almeno la metà dei Soci e delibera con voto favorevole della metà più uno dei voti espressi; in seconda convocazione, da indirsi un'ora dopo, l'Assemblea è valida qualunque sia il numero dei partecipanti e delibera con voto favorevole della metà più uno dei voti espressi.
L'Assemblea Straordinaria è convocata:
- dal Presidente quando ne ravvisi la necessità;
- dietro richiesta scritta della maggioranza dei componenti del Consiglio Direttivo;
- a seguito di richiesta sottoscritta da almeno un terzo dei Soci;
- per le modifiche del presente Statuto;
- per lo scioglimento della Pro Loco.
La spedizione degli avvisi di convocazione dell'Assemblea Straordinaria può essere sostituita dall'affissione con modalità idonea a portarla conoscenza dei soci. Le modifiche statutarie sono adottate dall'Assemblea Straordinaria con la maggioranza dei due terzi dei voti validi. Delle riunioni assembleari e relative deliberazioni dovrà essere redatto apposito verbale firmato dal Presidente e dal Segretario, consultabile da tutti i Soci presso la sede sociale.

Art. 9 - Consiglio Direttivo
Il Consiglio direttivo è formato da nove membri, di cui sei eletti a votazione segreta dall'Assemblea dei Soci e da 3 rappresentanti dell'Amministrazione Comunale. Sono membri di diritto del Consiglio tre esperti, che possono essere anche Consiglieri Comunali, eletti dal Consiglio Comunale; uno dei tre rappresentanti è indicato dalla minoranza.
I componenti del Consiglio Direttivo restano in carica quattro anni e sono rieleggibili. Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno quattro volte all'anno ed ogni qualvolta lo ritenga opportuno il Presidente od a seguito di richiesta scritta di almeno due terzi dei componenti.
Il Consiglio Direttivo elegge al suo interno il Presidente ed il Vice Presidente. Nomina altresì il Segretario, su proposta del Presidente, e il Tesoriere.
Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente ogni qualvolta vi sia materia su cui deliberare, o dietro richiesta scritta dei due terzi dei componenti il Consiglio Direttivo. La convocazione è fatta a mezzo lettera anche a mano, e-mail o fax da recapitare non meno di quattro giorni prima della riunione. In caso di urgenza è possibile anche convocare il Consiglio Direttivo telefonicamente. Le sedute sono valide quando vi intervenga la maggioranza dei componenti. Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta dei voti. In caso di parità di voti è determinante il voto del Presidente.
Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per la gestione della Pro Loco. Spetta, pertanto, fra l'altro a titolo esemplificativo, al Consiglio Direttivo:
- curare l'esecuzione delle deliberazioni assembleari;
- redigere il rendiconto economico-finanziario e la relazione sull'attività svolta;
- redigere il bilancio di previsione e la relazione sull'attività futura;
- predisporre gli eventuali regolamenti interni;
- stipulare tutti gli atti e contratti inerenti all'attività sociale;
- stabilisce la quota sociale annuale da versare
- deliberare circa il recesso e l'esclusione dei soci;
- nominare i responsabili delle commissioni di lavoro in cui si articolerà la vita dell'associazione,
- compiere tutti gli atti e le operazioni per la corretta amministrazione dell'Associazione che non siano spettanti all'Assemblea dei Soci;
- vigilare sul buon funzionamento di tutte le attività sociali e coordinamento delle stesse;
- decidere dei rimborsi delle spese sostenute e documentate, relativi alle attività statutarie.
I Consiglieri che risultassero assenti per tre sedute consecutive, senza giustificazione motivata, sono dichiarati decaduti con deliberazione del Consiglio Direttivo stesso, fatta eccezione per i rappresentanti nominati dal Comune. I Consiglieri mancanti saranno sostituiti, con delibera del Consiglio Direttivo con i Soci che, secondo i risultati delle elezioni, seguiranno immediatamente i membri eletti, per quanto riguarda i Soci Ordinari. Delle riunioni consiliari dovrà essere redatto apposito verbale firmato dal Presidente e dal Segretario. I documenti sociali dovranno essere conservati presso la sede sociale, e saranno messi a disposizione dei soci per la consultazione; chi desideri avere copia dei documenti dovrà farsi carico delle relative spese.


Art. 10 - Il Presidente
Il Presidente della Pro Loco è eletto dal Consiglio Direttivo nella sua prima riunione. Dura in carica quattro anni e può essere riconfermato. In caso di assenza o di impedimento sarà sostituito dal Vice Presidente.
Il Presidente rappresenta l'Associazione di fronte a terzi ed in giudizio, ha potere di firma legale e, in unione con gli altri membri del Consiglio Direttivo, ha la responsabilità dell'amministrazione; convoca e presiede il Consiglio Direttivo e l'Assemblea dei Soci; è assistito dal Segretario.
Il Presidente cura l'esecuzione delle deliberazioni del Consiglio Direttivo e in caso di comprovata urgenza ne assume i poteri chiedendo ratifica allo stesso, nella riunione immediatamente successiva, dei provvedimenti adottati. In casi di dimissioni, spetta al Vice Presidente convocare entro 30 giorni il Consiglio Direttivo per l'elezione del nuovo Presidente.


Art. 11 - Il Segretario e il Tesoriere
Il Segretario e il Tesoriere sono nominati dal Consiglio Direttivo al suo interno. Il segretario assiste il Consiglio Direttivo e l'Assemblea, redige i verbali delle relative riunioni, assicura l'esecuzione delle deliberazioni e si occupa, sotto la supervisione del Presidente, allo svolgimento delle attività di gestione ordinaria dell'Associazione.
Il Tesoriere segue i movimenti contabili dell'Associazione e le relative registrazioni contabili. E' responsabile, insieme al Presidente, della tenuta dei registri dai quali risulta la gestione contabile dell'Associazione. E' possibile affidare i due incarichi ad un solo socio.


Art: 12 - Il Collegio dei Revisori dei Conti
Il Collegio dei Revisori dei Conti, è composto da tre membri effettivi e due supplenti, dura in carica quattro anni e viene eletto dall'Assemblea dei Soci con votazioni separate da quelle del Consiglio Direttivo, tutti i membri sono rieleggibili.
Il Collegio nomina al suo interno, il Presidente. Essi hanno il compito di esaminare periodicamente ed occasionalmente, in qualsiasi momento la contabilità sociale. I Revisori dei Conti possono essere invitati alle sedute del Consiglio Direttivo, dove hanno facoltà di esprimere un parere sugli argomenti all'ordine del giorno, ma non hanno diritto di voto.


Art. 13 - Il Collegio dei Probiviri
Il Collegio dei Probiviri, è composto di tre membri eletti, a votazione segreta, ogni quattro anni, dall'Assemblea dei Soci; ha il compito di controllare il rispetto delle norme statutarie e di giudicare nel caso di controversia fra i soci.


Art. 14 - Il Presidente Onorario
Il Presidente Onorario è nominato dall'Assemblea dei Soci, su proposta del Consiglio Direttivo, per meriti eccezionali acquisiti in attività svolta a favore della Pro Loco.
Al Presidente Onorario possono essere affidati dal Consiglio Direttivo incarichi di rappresentanza e di eventuali contatti con altri enti. Il Presidente Onorario partecipa alle riunioni del Consiglio Direttivo.


Art. 15 - Tutela
L'Atto costitutivo, lo statuto sociale e le eventuali modifiche, l'atto di scioglimento, le risultanze contabili e la relazione annuale sulle attività approvate dall'Assemblea sono inviate al Comune che esercita le necessarie funzioni di controllo. Lo statuto, le sue modifiche e l'atto costitutivo dal quale risultino i requisiti di cui all'art. 8 lett. d) della L.R. 28.07.1977 n. 20, sono inviati alla Giunta Regionale, insieme al parere del Comune per la necessaria approvazione nel caso in cui venga richiesta l'iscrizione dell'Associazione all'Albo Regionale delle �Pro Loco�.

Art. 16 - Patrimonio - Risorse economiche
Le risorse economiche con le quali la Pro Loco provvede al funzionamento ed allo svolgimento della propria attività sono:
- quote e contributi da Soci;
- eredità, donazioni e legatum;
- contributi dell'Unione Europea e di Organismi Internazionale;
- contributi dello Stato, della Regione, di Enti Locali, di Enti o di Istituzioni Pubbliche, anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi realizzati nell'ambito di fini statutari;
- entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;
- entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, quali, ad esempio, feste, lotterie, sottoscrizioni, ecc.;
- altre entrate compatibili con le finalità sociali dell'associazionismo di promozione sociale.
- L'elenco dei beni mobili di proprietà della Pro Loco deve essere trascritto in apposito registro degli inventari.
L'esercizio finanziario dell'Associazione ha inizio il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. Al termine di ogni esercizio finanziario il Consiglio Direttivo redige il rendiconto consuntivo e lo sottopone all'approvazione dell'Assemblea dei Soci entro quattro mesi dalla chiusura, predisponendo inoltre un rendiconto preventivo. E' fatto divieto distribuire, anche in modo indiretto o differito, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge. I beni acquisiti con il concorso finanziario specifico e prevalente di Enti pubblici, in caso di scioglimento della Pro Loco, saranno devoluti al Comune nel cui territorio la Pro Loco ha sede con obbligo di essere utilizzate a fini di utilità sociale.

Art. 17 - Varie
Per tutto ciò che non è espressamente contemplato nel presente statuto, si rinvia alle norme statutarie dell'UNPLI, alle leggi in vigore riguardanti le Pro Loco ed alle norme del Codice Civile.
Tutte le caricheall'interno delle Pro Loco sono gratuite. La Pro Loco può, in caso di particolare necessità, assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo, anche ricorrendo a propri Soci.
Possono essere riconosciuti i rimborsi delle spese effettivamente sostenute dai Soci o da persone che hanno operato per la Pro Loco nell'ambito delle attività istituzionali. Nel caso in cui la qualità della prestazione richieda un livello non amatoriale, il Consiglio Direttivo può affidare a professionisti (esterni o interni alla Pro Loco) mansioni e/o incarichi che potranno essere retribuiti a quotazioni di mercato e dietro presentazione di regolare documentazione fiscale.

Art. 18 - Consorzi
La Pro Loco di San Giuliano di Puglia al fine di assicurare il più completo conseguimento dei compiti statutari, può consorziarsi con altre Pro Loco della zona.
Il Consorzio ha lo scopo altresì di favorire la collaborazione fra Pro Loco di una zona omogenea, nonché di promuovere iniziative e di coordinare e propagandare le attività nelle località ove operano le Pro Loco aderenti.

Art. 19 - Rappresentanza regionale
La Pro Loco di San Giuliano di Puglia ha la facoltà di richiedere l'iscrizione all'Albo Regionale secondo le norme della L.R. n. 20 del 18.07.1977 e successive modifiche della L.R. n° 20 del 18.07.2008